Primula variopinta: coltivazione e cura

primula variopinta
Primule multicolor

DESCRIZIONE

in piena terra o in vaso

La primula variopinta o primaverine (specie del genere Primula: famiglia Primulacee) annoverano un discreto numero di specie fiorifere ornamentali, alcune delle quali si prestano particolarmente per la coltura in piena terra.

Non vogliamo qui perciò alludere alle maggiori Primula sinensis e P. obeonka, adatte per essere tenute in vaso, ma al gruppo inteso comunemente come Primula veris, comprendente due specie orticole soprattutto : Primula variabilis o P. vulgaris, e P, hortensis, affini rispettivamente alla spontanea P. acaulis, dei boschi e delle ripe, a fiori giallo-zolfini, oppure alla P. officinale, ed alla P. auricola, dei dirupi montani.

altri dettaglia

In giardino è comunque più indicata, e nota fin dal 1779, le Primula variopinta o P. veris, indigena dell’Europa e delle regioni mediterranee. Essa è alta 5-15 cm, è vivace ed ha portamento acaule (non presenta cioè un fusto distinto) ed un po’ cespitoso. Le foglie, tutte basali e disposte a rosetta, sono ampie, oblungo-spatolate (lunghe 5-10 cm), bollose e rugose, dentate al margine ed attenuate nel picciolo e generalmente di color verde gaio. Ai centro della rosetta di foglie si producono i fiori, numerosi, riuniti a mazzetto; essi hanno corolla rotata, con lembo ripartito in

primule rose, viola e gialle
Primula rossa, gialla e viola

Sono note pure altre specie: Gazania rigens, affine alla precedente e con una varietà (citrina), a capolini con raggiera giallo-citrina e corona verdastra, e G. longiscapa, a capolini molto ampi. Una cultivar a foglie variegate è rara e poco vigorosa. Col nome di Gazania hybrida sono inoltre note, in giardinaggio, numerose cultivar a capolini aventi tinte varie nelPambito del giallo citrino o dorato, aranciato e fino al rosso.

5 divisioni petaliformi smarginate; il calice è un po’ rigonfio, con 5 punte. Il colore dei fiori, giallo nella Primula acaulis spontanea, è molto vario nelle numerose cultivar; essi possono presentarsi unicolori oppure bicolori, con centro giallo o comunque più chiaro rispetto al resto della corolla, che può essere rosea, porporina, rossa, violacea o azzurra. Produce capsule ovoidali con numerosi piccoli semi.

Sono note numerose cultivar sia a fiori semplici sia a fiori doppi; quelle a fiori bicolori sono note anche col nome di « occhi di civetta ».

Molte schede di pianetagreen.com, vengono inviate da utenti ed esperti, quindi se noti errori, inesattezze o violazioni di copyright segnalalo e provvederemo immediatamente alla sua correzione o eliminazione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

RSS
Follow by Email