Aloe: coltivazione, esposizione e cura

aloe vera

In generale

L’aloe è un genere tipico del paesaggio sudafricano che si è acclimatato molto bene nelle nostre regioni costiere, specie in quelle meridionali dove i lunghi pennacchi rossi e gialli delle sue infiorescenze e le caratteristiche foglie acuminate inquadrano il mare da ogni punto prospettico.

Origini dell’Aloe

Il genere Aloe appartiene alla famiglia delle Liliaceae, che racchiude numerosissime piante interessanti la floricoltura ed il giardinaggio.

alborescente

Comprende circa 180 specie originarie dell’Africa australe, Madagascar, Arabia, india, Canarie, Mediterraneo sudoccidentale, tutte di aspetto molto bello e con spiccati caratteri ornamentali.

Morfologia.

Caratteristica degli aloe è la gran varietà di forme offerta dalle loro specie.

Piante pressoché acauli, con foglie basali più o meno estese, oppure arborescenti, a ramificazioni dicotomiche, presentano foglie carnose, sottili a forma quasi triangolare, oppure ensiformi più o meno dentate o spinose ai margini e qualche volta su tutta la superficie, raggruppate alla sommità del caule a verticillo oppure disposte in rosetta basale.

fiore aloe vera

I fiori, numerosi e riuniti in una infiorescenza a pannocchia sostenuta da un lungo scapo, sono vivacemente colorati in rosso o in giallo, spesso striati in toni più pallidi. Il frutto è una capsula trivalve contenente numerosi semi appiattiti ed alati.

II genere Aloe riveste un notevole interesse scientifico ed economico.

Già conosciuti da Dioscoride da Galeno, i preparati di aloe sono entrati nell’uso non soltanto popolare, ma nella Farmacopea ufficiale come purgativi e come eupeptici sia in medicina umana che in veterinaria. Dall’aloe (A. perfoliata) si ricavano inoltre fibre per tessuti grossolani di un certo valore locale soprattutto in India.

foglie

Coltivazione

Grande interesse rivestono le specie di Aloe per il giardino, perché in maggiore o minor misura sono tutte ornamentali e vengono coltivate in piena aria nelle zone calde, ed in serra altrove.

aloe in vasetti

Le loro forme, di plasticità e morbida rigidità, ben si intonano anche con l’architettura moderna e le specie di mole più contenuta sono entrate, con brillanti risultati, nella decorazione degli appartamenti.

Per le coltivazioni in piena aria si possono posizioni al sole, tenendo conto, nel porre a dimora le piante, dello spazio che sarà occupato a pieno sviluppo.

Al riparo si coltivano in serra fredda o temperata (6-10°C). Richiedono terreno povero di sostanze organiche, arenoso e ben drenato.

Per le colture in vaso si raccomanda di impiegare vasi piccoli e non molto profondi, con un substrato formato da terra di foglie e terra di giardino in parti uguali, oppure terra comune e terricciato ben decomposto.

Innaffiature moderate specie in inverno, molta luce e aria secca in serra. Trapiantare soltanto se vi è effettiva necessità.

Riproduzione

La moltiplicazione avviene comunemente per divisione dei cespi, per polloni radicali o per talea.

Si può anche riprodurre per seme (a ne inverno in serra calda) metodo però che non sempre mantiene la specie e la varietà per la frequenza delle ibridazioni naturali.

Specie e varietà. Le specie ornamentali più importanti sono: Aloe africana, proviene dal capo di Buona Speranza; è arborescente, giungere e superare i 3 m di altezza. Assai diffusi nei nostri giardini; fioritura in estate.

foglie

Aloe. ciliaris, proviene dall’Africa australe, è specie sarmentosa che nella Riviera, in località riparate, vive in piena aria e fiorisce tutto 1 anno.

A. ferox, dell’Africa del sud; foglie in dense rosette di colore glauco; spine di colore bruno rossastro, fiori color arancione.

Al. humilis, di origine africana dalla regione del Capo, è specie molto bella in numerose varietà ed ibridi tra cui degno di nota per la grande infiorescenza A. humilis echinata e A. arkorescens pachythyrsa.

A. vera, del Mediterraneo sud-occidentale, e ben ambientata nelle nostre regioni meridionali.

Ricordiamo ancora A. striata, A. variegata, A. brevifolia, ecc.

Molte schede di pianetagreen.com, vengono inviate da utenti ed esperti, quindi se noti errori, inesattezze o violazioni di copyright segnalalo e provvederemo immediatamente alla sua correzione o eliminazione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

RSS
Follow by Email