Cypripedium – orchidea: coltivazione e cura

Cypripedium

Introduzione alla Cypripedium

Il nome Cypripedium significa « scarpetta di Venere » e tale è anche chiamata volgarmente una piccola deliziosa orchidea che cresce spontanea sulle nostre Alpi e fiorisce tra maggio e giugno (C. calceolus).

Origini

Numerose sono poi le specie originarie delle Indie orientali e della Malesia, che furono tra le prime orchidee coltivate in Europa sin dall’inizio del 1700 con grande entusiasmo e successo.

Morfologia

Sono piante erbacee tutte terrestri, con fusto a volte ridotto e a volte sviluppato e rizoma rampante e ramificato. Hanno foglie ovato-oblunghe, glabre o vellutate, caduche nelle specie originarie dei paesi temperati, persistenti nelle altre.

fiore Cypripedium

Fiore isolato o in infiorescenza, portato da uno scapo sorgente dal centro delle foglie. Caratteristica del fiore sono il labello a forma di sacco o pantofola, e la colonna incurvata quasi a chiuderne l’orifizio.

Specie e varietà

Le specie più significative sono:

Cypripedium barbatimi, originario dell’India meridionale e di Giava, a fiori bianchi o lillacini raggiati di violetto e labello viola scuro.

C. Jaireanum, proveniente dall’India nord-orientale, dal fiore molto bello, grande e solitario, di color verde chiaro, soffuso di violetto sul labello e sui tepali laterali.

Tepalo dorsale grande, bianco-verdastro con striature longitudinali purpuree, montagne, originario del Nepal, a fiori verde con Gabello fulvo; tepalo dorsale marginato di bianco con centro verde e maculature porporine.

C. delenatii, proveniente dal Tonchino (intorno al 1913), è colorato uniformemente di rosa pallido ed è profumato.

Molte schede di pianetagreen.com, vengono inviate da utenti ed esperti, quindi se noti errori, inesattezze o violazioni di copyright segnalalo e provvederemo immediatamente alla sua correzione o eliminazione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

RSS
Follow by Email