Boleto Appendicolato – boletus appendiculatus: cercare, riconoscere, ricette.

Boleto Appendicolato - boletus appendiculatus

Introduzione al fungo Boleto Appendicolato – boletus appendiculatus

Boleto Appendicolato – boletus appendiculatus – Da Boletus = fungo di zolla e appendiculatus = con appendice, per la cuticola del cappello pendente a frangia.

DESCRIZIONE:

Cappello da emisferico a quasi spianato, molto robusto e carnoso, raramente di forma regolare, con cuticola più o meno vellutata che si prolunga oltre il margine del cappello, di colore bruno-gialla, con tutt’al più un margine un po’ rosa ciclamino, negli esemplari Boleto Appendicolato – boletus appendiculatus dei boschi alpini, meno gialla e con sfumature ciclamino più diffuse negli esemplari appenninici.

Gambo robusto e pieno, panciuto, ma tendente al cilindrico a maturazione, giallo e poi un po’ rugginoso a vecchiaia con un reticolo concolore, ma evidente, un po’ blu al tocco. Tubuli e pori gialli, blu al tocco. Carne gialla che diventa blu al taglio moderatamente e lentamente.

ODORE E SAPORE

Gradevoli,in parte fruttati in parte di pane appena uscito dal forno.

GLI SOMIGLIANO

Il «B. regius», molto buono, ha il cappello di un bel rosso; il «B. pallescens», squisito, è biancastro con una zonatura orizzontale viola-ciclamino sul gambo; il «B. speciosus», buono, ha cappello e piede del gambo rossi; il «B. fragrans» ha cappello marrone, gambo senza reticolo, ma punteggiato di bruno, che diventa blu, come i pori, al minimo tocco ed è anche lui squisito; il «B. calopus», non commestibile per la carne amara, ha cappello biancastro e gambo rosso verso il piede; il «Boletus lepidus», più tardivo, ha il cappello viscido e il gambo decorato da fini squame con colori.

DOVE E QUANDO CRESCE

il Boleto Appendicolato – boletus appendiculatus lo troviamo da giugno a ottobre è molto comune nei boschi appenninici sotto ogni sorta di latifoglia, in gruppetti di due o tre esemplari. Meno frequente nelle Alpi sotto faggi e anche abete rosso.

COME SI CUCINA E SI CONSERVA

veramente squisito in tutte le maniere per quanto riguarda il consumo fresco. Eccellente poi anche conservato sottolio. Essiccato invece non è male, ma non ha il profumo di altri boleti come i porcini.

Guarda un video del Boleto Appendicolato

Molte schede di pianetagreen.com, vengono inviate da utenti ed esperti, se noti errori, inesattezze o violazioni di copyright segnalalo e provvederemo immediatamente alla sua correzione o eliminazione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

RSS
Follow by Email