Platycerium: coltivazione, esposizione e cura

Platycerium

In generale

I Platycerium sono felci di aspetto strano ed attraente, molto decorative. Il nome, di origine greca, significa « coma piatte » e ben ne giustifica la forma.

Origini delle piante di Platycerium

Provengono quasi tutte dall’estremo Oriente (Australia, Malacca, Siam) ed alcune specie sono però indigene dell’Africa occidentale e dei Perù.

Morfologia

Nelle zone di origine i Platycerium vivono come epifite sugli alberi, raccogliendo gli elementi necessari alla loro vita mediante foglie particolari inserite strettamente su un corto rizoma aderente al tronco con gran numero di radici.

Le foglie fertili sono appiattite e divise dicotomicamente, a margine intero, di colore verde
glauco, spesso pubescenti. Gli sporangi sono riuniti a macchia sulla parte distale della pagina inferiore.

Coltivazione

I Platycerium sono specie da serra calda e crescono bene in una miscela di terriccio ben decomposto, sfagno e torba, in panieri o meglio ancora in vecchi tronchi appesi alle pareti. Amano la luce e necessitano di umidità costante. La riproduzione avviene per spore, disseminandole in terrine, su terriccio molto fine, ma si possono facilmente moltiplicare anche per mezzo delle giovani piantine che spuntano con facilità da gemme radicali.

Non abbisognano praticamente dì cure e durano a lungo. Trasportate in casa, occorre avere l’avvertenza di porle in giusta luce e di dar loro l’umidità necessaria.
Specie e varietà. La specie più nota e più decorativa è da considerarsi il P. alcicome, chiamato volgarmente « felce a coma di cervo » o a « coma di alce », per la caratteristica rassomiglianza. Molto bello e coltivato è anche P. wilhelmina e sono da ricordare anche P. grande, P. walchii, P. hillii, P. angolense e P. coronarium.

Molte schede di pianetagreen.com, vengono inviate da utenti ed esperti, quindi se noti errori, inesattezze o violazioni di copyright segnalalo e provvederemo immediatamente alla sua correzione o eliminazione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi